Il Gaslini, ospedale diffuso e altamente connesso

Da molto tempo ci interessano le applicazioni delle tecnologie informatiche nel campo medico in generale, anche se l’aspetto sul quale ci siamo naturalmente focalizzati è quello dell’utilizzo delle tecnologie vocali.
È per questo che, con grande interesse, abbiamo partecipato all’incontro organizzato dall’Ospedale Gaslini sull’utilizzo della banda ultra larga a 10 GB per la connettività dell’Istituto realizzato da Fibering (partner anche di Dotvocal) e Open Fiber.
Una   sorta di “autostrada digitale” che collega l’ospedale al suo interno e col mondo, permettendo di aprire nuove frontiere nel campo della   telediagnosi, della telemedicina e della teleformazione.
È questo, in   sintesi, il Progetto “Ospedale diffuso e altamente connesso” che consente di   praticare la diagnosi a distanza Casa-Ospedale, la formazione con medici specializzati collegati da ogni parte del mondo, il   trasferimento dei voluminosi dati elaborati dai ricercatori, piattaforme televisive per i piccoli pazienti ricoverati nei reparti e la didattica a distanza per quelli in età scolare.
All’evento ha partecipato Paola Pisano, Ministra per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione e il Direttore Generale dell’Istituto Gaslini Paolo Petralia.
Il progetto, come detto, è stato reso possibile da Fibering Spa che, sfruttando la capillarità   della rete in fibra ottica posata da Open Fiber, permette una connettività veloce e scalabile, come sottolineato dal Ceo di Fibering, Elio Romagnoli, coadiuvato da Elisabetta Ripa, Ceo di Open Fiber.
Sono state mostrate molte applicazioni da parte del personale medico del Gaslini, come la teleformazione a distanza dei medici libici, il controllo a distanza dei pazienti diabetici, l’applicazione ai sistemi di condivisione in neuroradiologia ed ematologia e la telemedicina in generale.
Il tutto potrà aprire ancora più le porte a tutte le tecnologie utilmente applicabili al campo medico, tra le quali possiamo certamente annoverare le tecnologie vocali!